Per favore, aggiorna il tuo browser ad uno che supporta gli standard. Questo sito, come molti altri si vedrà molto meglio, anche se puoi leggerlo anche così.

Thoughts
home © pecus 2001

voglio ricordare

Ci sono delle volte in cui ho bisogno di raccontare, di tirare fuori quello che ho dentro per guardarlo da distante, mentre mi sento parlare o quando rileggo quello che scrivo. Vorrei raccontare non per ricevere consigli, ma solo per dare sfogo alle idee, ai pensieri, per alleggerire un po' la pressione.

All'inizio pensavo che questo spazio sarebbe servito a questo. Non solo per questo, ma soprattutto per "esportare", in qualche modo, la confusione metabolica che mi vive dentro, a tratti piatta come le secche di vento nell'oceano, a volte in fermento come un brodo primordiale sul punto di generare un big-bang. Di solito le metafore vengono meglio, ma questa volta mi scuso da solo, tiro dritto, e continuo.

Invece scrivo sempre conscio di che c'è qualcuno che legge queste pagine: non dico che scrivo più per loro che non per me, ma il fatto di pubblicare cambia la priorità di quello che consegno alla tastiera. Per questo, quando più mi serve tirare fuori parole per capirmi un po' meglio e mettere ordine dentro di me, so che non posso contare su questo spazio. E nello stesso tempo, il narcisismo che caratterizza un po' tutti noi cronisti del quotidiano, mi spinge a svelare, a lasciare indizi, più per la mia soddisfazione che non perché indichino una soluzione al giallo che non viene raccontato.

Così finisce che quello che davvero vuoi dire ti resta dentro. Finisce che annoti un film dietro l'altro mancando di fissare in qualche modo quei pochi dialoghi della tua vita che invece sanno davvero di film; che perdi la possibilità di lasciare qualche ausilio alla memoria per momenti di cui ricorderai l'essenziale, e non tutta quella rumorosa realtà che li ha resi così intensi; tralasci di fotografare scene che ti fanno sorridere e che sei certo di voler ricordare -- poi non ricordi nemmeno che ti appartengono.

Non so se sono in grado di risolvere le mie incertezze e i vuoti che mi spiazzano lasciandomi a contemplare un po' perdente le mie emozioni. So che non voglio dimenticare questi oggi.

23:23 di Monday, May 14, 2001