Per favore, aggiorna il tuo browser ad uno che supporta gli standard. Questo sito, come molti altri si vedrà molto meglio, anche se puoi leggerlo anche così.

Thoughts
home © pecus 2001

Mettiamoci d'accordo

Il tempo non è sempre uguale. Cammina con passo diverso senza che tu possa neanche accampare una scusa per trattenerlo un po', inebetirlo di chiacchere o prestidigitazioni e intanto sfruttare l'attimo per allungare o accorciare le distanze, recuperare quello che era e che è forse già un po' troppo lontano, o curiosare nel futuro per prepararti le carte giuste da giocare, e se vale la pena, permetterti di indugiare un po'... più a lungo.

Un piede avanti, scivolarti dietro la schiena, continuando a giocolare, forse questo è il segreto. Puoi farmi di tutto, anche essere inesorabile, invecchiarmi nei segni del volto e nella fatica del ricordare, farmi il solletico e senza che me ne possa accorgere, resistendoti e contorcendomi ridendo, allontanarmi dall'oggi più in fretta di quanto vorrei, ma non ti capita mai di strappare un mese intero al calendario e gettarlo via, e costringermi a vivere quello che c'è adesso contento di non poter girar pagina. Mettiamoci d'accordo: anni interi neanche troppo "passati" te li regalo volentieri. L'infanzia, la primissima, invece no, tanto lo so che sei un po' sentimentale e che se mi metto a guardare le foto di quando ero piccolo pacioccoso e un po' troppo rotondo sei il primo a chiedere se non c'è un altro album. Puoi anche farmi delle richieste, in fondo ad ognuno la sua contropartita, e io mi sento molto disponibile. Ma non puoi di punto in bianco infilare un numero di anni che non vedrei neanche avessi già vissuto tutta la mia vita tra un l'altroieri e un oggi. È sleale (e lo sai) e non sogghigni nemmeno -- sapessi, mi da un fastidio! -- aspetti solo di vedere come me la cavo.

Io mi guardo intorno, cerco scuse, mi immagino tutti i modi in cui vorrei ridere di te e dei tuoi tiri mancini, mi tocca depennarli uno ad uno per rendermi conto che hai vinto tu. Ma forse non ancora. Se sei lì che mi osservi, forse non sei tanto sicuro, e prima o poi ti incanterai a guardare uno dei miei giochi e io mi riprenderò il tempo che voglio io, tu non correrai, non mi ingannerai, sarai costretto a rimangiarti i secoli che mi infili tra i giorni e davvero, non essere orgoglioso, ti commuoverai anche tu.

Sarebbe tutto molto più facile se per un po', però, mi lasciassi perdere...

15:08 di Tuesday, July 17, 2001