Pecus
Berlino, il Reichstag, Norman Foster, 1999
pecus @ pecus . it
about
thoughts
pics
view-source
archives ... prima ...
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
Agosto
reading Underworld - Don Delillo [Einaudi] webcam sporadically updated
powered by blogger


Mercoledì 31 Luglio 2002


Rimini / Torino: same beach, same minigolf

Serata di agonismo e competizione ieri con Basa, Fantus, e Geppo: ben pieni di vino e stappandoci una bottiglia di birra a testa al primo green ci siamo dati a una grande sfida di minigolf. Per vincere ciascuno ha applicato le tecniche più personali e incisive: dall'uso della Forza per deviare i tiri avversari all'esorcismo dell'avversario con soprannomi e pubbliche svergognate (effettivamente quando abbiamo cominciato a chiamare Geppo Snoop Doggy Dog ha cominciato a sbagliare di più...). Incoronato Fantus come Tiger Woods Taurinensis, abbiamo chiuso la serata con un'allegra scampagnata ad Orbassano.
Ripetibile con bowling, carambola, freccette, ...

scritto da pecus alle 15:30 §

Martedì 30 Luglio 2002


Tu vuoi fa’ ’o talebano

Anche Bocconi dà fiducia agli MMS. Sembra proprio che nonostante che la pubblicità che i vari operatori stanno veicolando in questo periodo non piaccia a nessuno, il pubblico sia interessato a usare questa nuova forma di messaggistica, e disposto a pagare per farlo (anche se con riserve). Stanno arrivando i giorni in cui la dimensione virale che ha caratterizzato l'uso dell'email nell'ultimo periodo contagerà anche i cellulari, e ci ritroveremo a inoltrare Gino Talebano via telefono...

scritto da pecus alle 10:51 §

Mercoledì 24 Luglio 2002


Am I MMS or not?

Il mondo della telefonia mobile è in fermento: Ovum pubblica una ricerca in cui proietta il traffico (leggi ricavo) MMS nel 2006 in 2.909 milioni di euro, contro i 1.642 milioni di euro; dei tradizionali SMS (peraltro, la stessa ovum afferma in un articolo che MMS is neither a killer application for mobile operators, nor a vendor hype, soprattutto per ragioni di prezzo e, ad oggi, assenza di un numero sufficiente di terminali sul mercato per giustificare un traffico interessante).
Magari sperando in tali rosee previsioni, e costruendo su un meme che quasi due anni fa è diventato in pochissimi giorni un successo (generando un consistente traffico), l'azienda dell'8 e del soffio arancio ci prova, con Ci Stai?, la versione dating di AmIHotOrNot?

Wind sembra comunque darsi da fare: dopo l'accordo con RaiNews24 per la fornitura di pillole di telegiornale in video, sul proprio portale convergenza tra Internet e mobile Wind ha già disponibili diversi nuovi servizi ibridi tra telefono/messaggistica e internet. Ad oggi il pubblico è però rappresentato da: dipendenti compagnie telefoniche con terminali in prova, clienti premium con terminali in prova, la banda di dementi (Defilippi compresa) Lalalalla che spopola per TIM e gente che ha speso ca. 600€ per un telefonino compatibile: o il Sony Ericsson T68i o il Nokia 7650 (il Nokia 3510 può esclusivamente ricevere).

scritto da pecus alle 16:49 §

Lunedì 8 Luglio 2002


aisichiù

...il vero problema è uscire dall'empasse. il mondo del web design è industrializzato. viaggia parallelo al mondo delle agenzie di pubblicità senza pestare troppo i piedi. visto che Internet è diventata "normale" non fa più molta notizia e fa invece puramente business. per cui bisogna spostarsi su aree più a rischio ma innovative, dove la creatività applicata alle idee abbia ancora un margine per risultare (parzialmente) rivoluzionaria. se si perde lo spirito con cui internet e il web sono usciti dall'underground e diventati "comuni" l'innovazione (sociale soprattutto) languirà

scritto da pecus alle 10:41 §

Giovedì 4 Luglio 2002


IDEASul sito dell'Industrial Designers Society of America sono pubblicati i vincitori del premio IDEA. Nella categoria Computer Equipment mi ha colpito questo wireless gamepad a forma di ferro di cavallo blu. Fosse mio mi cercherei un attaccapanni da parete a pomello in plastica arancione e glielo appenderei alla fine delle partite...

scritto da pecus alle 15:08 §

Martedì 2 Luglio 2002


MioDiario è un motore di weblog molto semplice. La metafora è quella del diario, pagina per pagina. Non esistono templates, non esiste la possibilità di caricare immagini, scrivere HTML, però raccoglie più di 8000 diari, perlopiù di giovanissimi. Sta su Jumpy. Mi interessa molto perché rappresenta un modo che ha spontaneamente (beh, diciamo sull'onda di programmi come Saranno Famosi e Il Grande Fratello) portato un bel gruppo di ragazzi in area molto vicina ai blog. E forse non è un cattivo spunto per Frederic, Antonio & Co. per il loro workshop

MioDiario.net a quota 100.000
È attivo da quattro mesi MioDiario.net, un progetto Web ideato da mFactory Plus. MioDiario.net, che ha vinto il premio come secondo miglior sito italiano nella categoria Usabilità agli Italian Web Awards 2002, è la più grande community di diari interattivi in Italia. Molti ragazzi hanno riscoperto il gusto di scrivere e di condividere sensazioni: Su www.miodiario. net sono raccolti quasi 9.000 diari scritti dagli utenti (per un totale di oltre 100.000 pagine scritte), che tutti possono consultare e commentare. In maggio ha totalizzato, secondo dati Red Sheriff, 1.694.489 pagine viste e 63.548 visitatori unici, con una permanenza media giornaliera di 11:23 minuti per sessione. Il target è in prevalenza giovane e femminile: l'80% degli utenti sono infatti ragazze di età compresa tra i 12 e i 25 anni residenti a Milano (9,8%),Roma (9,7%),Napoli (6,1%) e Torino (3,9%).
[Pubblicità Today del 1/7/2002]

scritto da pecus alle 17:20 §

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.